Azienda Sanitaria Locale Roma 6 - Regione Lazio
 
  •  Le Garanzie
  •  Ospedali » Gli Ospedali
  •  Distretti » I Distretti
  •  Dipartimenti Sanitari » Dipartimenti
  •  Servizi » Emergenze » Farmacie » Ambulatori » Studi medici » Trapianti
  •  Risk Management
  •  CCICA
  •  Avvisi Utili » Avvisi » Avvisi al cittadino » Assistenza farmaceutica
territoriale   
  •  Modulistica » Anagrafe canina » Esenzione ticket » Donazioni organi » Vidimazione
  registro infortuni
» Deroga per locale seminterrati e minore altezza » Ricorso contro
  i giudizi medici
 
  •  Elenco PEC Asl
  •  PEC: scrivi alla Asl
  •  Albo delibere
      e determine
  •  Albo sedi
      farmaceutiche
  •  Consulenti e
      collaboratori
 
Lazio ESCAPE ti offre la possibilità di scaricare i referti di analisi di laboratorio gratuitamente
Servizio di Fatturazione Elettronica - Codice Univoco ufficio



  •  Farmacovigilanza
       Dispositivo Vigilanza
Nuovo Atto Aziendale
 
Amministrazione Trasparente
 
Codice Disciplinare
 
 
Volontariato
  •  Comunicati stampa
  •  Giornale aziendale
  •  Canale YouTube
 
  •  Appropriatezza
      Prescrittiva
  •  Avviso
      elenco avvocati
  •  Concorsi e Bandi
  •  Corsi
  •  Tirocini » Elenco convenzioni » Regolamento
   frequenze
   volontarie e tirocini
» Strutture territoriali
  •  Corsi di Laurea
 
 
  •  Soggetti Fragili
  •  Strutture private
  •  Comitato
      Valutazione Sinistri
  •  Ciclo della
      Performance 2017
      STP
 
  •  Link Istituzionali
  •  Albo Fornitori
 
  •  Continuita'
      assistenziale 2017
  •  Premio Innovazione
      Salute 2016
 
Nasce una mamma
 
Acqua potabile: Livello di Arsenico
Vaccinazioni Internazionali
Malattie Rare

Locandina attivita' associazioni di volontariato presso Casa della Salute di Rocca Priora

Lettera del Direttore Generale ai sindaci del Distretto H1


Fondo solidarieta' terremotati lavoratori e aziende sanitarie pubbliche Lazio

Donazione Terremoto

Modulo di adesione

#

Seconda Edizione

corso gratuito per BADANTI

Casa della Salute Rocca Priora

Locandina

Programma


#   •  Struttura aziendale » Dir. Generale » Dir. Sanitaria » Dir. Amministrativa » Personale » Organizzazione » S.I.T.I. » S.P.P. Aziendale
  •  Applicativi Interni
  •  Attività » Farmed » Formazione » Ossigeno » Prevenzione » Screening » Webcare » Vaccinazioni
  •  Progetto NoiPA
  •  Infopersonale
  •  Posta elettronica
  •  Accesso PEC
  •  Comitato unico
     garanzia
 
  •  Area riservata
  •  Circolari e
      Ordini di servizio
  •  Regolamenti
      e Procedure
Con deliberazione n. 298 del 06.05.2015 si ├Ę preso atto dell'accordo per la realizzazione e lo sviluppo della Biblioteca virtuale Alessandro Liberati del Servizio Sanitario Regionale del Lazio

Il Sole 24 Ore - Banca Dati



LE GARANZIE

UN IMPEGNO CON I CITTADINI

L’Azienda USL Roma H intende attivare un processo dinamico di miglioramento continuo della qualità dei servizi sanitari con la collaborazione dei cittadini singoli e associati, dei Comuni, delle Istituzioni e di tutte le Associazioni di Volontariato.
La complessità dell’organizzazione, la vastità del territorio, la consistenza della popolazione servita ed una legislazione in continua evoluzione sono i fattori che determinano una continua condizione di emergenza, che certamente non favorisce il metodo della consultazione che dovrebbe essere continua soprattutto nei processi decisionali riguardanti i servizi sociali e sanitari destinati ad una popolazione in situazione di bisogno.
La Direzione Aziendale attraverso il coinvolgimento dei cittadini e delle istituzioni intende mobilitare tutte le energie sociali, culturali e professionali che partendo dall’attuale sistema di servizi si vogliono porre l’obiettivo di conseguire un livello di eccellenza nei servizi erogati.
Questo processo di miglioramento continuo dei servizi è un obiettivo prioritario che l’attuale Direzione Aziendale intende perseguire con convinzione attraverso il reale coinvolgimento dei cittadini.

Per rendere concreti gli impegni assunti, sono stati predisposti alcuni documenti con cui si è inteso chiarire i principi e le regole con cui s’intende costruire e mantenere un effettivo rapporto con i cittadini.



PRINCIPI FONDAMENTALI
NELL’ EROGAZIONE DEI SERVIZI SANITARI

L’Azienda USL Roma H assicura a tutti i cittadini l’erogazione dei servizi nel rispetto dei seguenti principi:

EGUAGLIANZA
I servizi devono essere erogati secondo regole uguali per tutti a prescindere dal sesso, razza, lingua, religione, opinioni politiche.

IMPARZIALITA’
Nell’erogazione dei servizi nei confronti dei cittadini deve tenersi un comportamento obiettivo, imparziale, neutrale.

CONTINUITA’
I servizi devono essere erogati con continuitÓ.

DIRITTO DI SCELTA
Il cittadino ha il diritto di scegliere la struttura erogatrice del servizio.

PARTECIPAZIONE
Al cittadino deve essere garantita la partecipazione anche attraverso le Associazioni di volontariato e di tutela dei diritti.

EFFICIENZA EFFICACIA
Il servizio deve essere erogato in modo da garantire QualitÓ, Efficienza ed Efficacia.

UMANIZZAZIONE
Le prestazioni devono essere erogate nel rispetto della dignitÓ della persona soprattutto in particolari circostanze di deficit fisico e psicologico.

GARANZIE PER IL CITTADINO

L’Azienda USL RM H garantisce a tutti i cittadini:

INFORMAZIONE
Attivando tutti gli strumenti di diffusione informativa e l’accesso ai propri atti ai sensi della legge 241/90 e successive integrazioni e modificazioni;

ACCOGLIENZA
Destinando risorse umane interne o del volontariato alla funzione di accoglimento e assistenza dei cittadini all’interno delle strutture sanitarie dell’Azienda;

TUTELA
Raccogliendo e seguendo i reclami dei cittadini contro disservizi, abusi, negligenze, violazioni delle regole dettate dalle leggi, dai regolamenti, dal buon senso e adottando il regolamento interno per la definizione dei reclami.

REGOLAMENTO PER LA PARTECIPAZIONE
DEGLI ORGANISMI DI VOLONTARIATO E TUTELA DEI DIRITTI

1. L'Azienda USL RM H garantisce ed assicura la partecipazione degli organismi di volontariato e di tutela dei diritti, in attuazione di quanto disposto dall’art. 14 della legge 502/94;

2. L'Azienda USL RM H individua nell'Ufficio Relazioni con il Pubblico l'ufficio di riferimento per le associazioni di volontariato e di tutela dei diritti, il quale agisce da interfaccia con l'istituzione, affinché sia realizzato il principio di trasparenza e di partecipazione;

3. Al fine di favorire la presenza e l'attivitÓ dei suddetti organismi, è istituita presso l'Azienda la Conferenza Consultiva del Volontariato, presieduta dal Direttore Generale cui sono attribuite le seguenti funzioni:

  • analisi dell'andamento dei servizi e relative proposte per il miglioramento degli stessi;
  • verifica e revisione dei progetti operativi, (predisposti in collaborazione con questi organismi);
  • proposta di iniziative.

In particolare la Conferenza promuove:

    • la stipula di accordi e/o protocolli che stabiliscono gli ambiti di collaborazione con questa Azienda;
    • l’attivazione di gruppi di lavoro degli organismi per la predisposizione e la realizzazione dei progetti operativi;
    • l’attivazione sistematica della rilevazione di gradimento della prestazione sanitaria (verifica della qualitÓ percepita).

4. La Conferenza Consultiva del Volontariato è convocata con cadenza semestrale dal Direttore Generale ed è composta da:

  • Direttore Generale;
  • Direttore Amministrativo;
  • Direttore Sanitario;
  • Dirigente Medico;
  • Dirigente Amministrativo;
  • Responsabile URP;
  • Organismi di Volontariato, afferenti a questa Azienda.

REGOLAMENTO DI PUBBLICA TUTELA

INFORMAZIONE, ACCOGLIENZA, TUTELA E PARTECIPAZIONE


Titolo I

Presentazione
delle osservazioni, opposizioni, denunce e reclami

Art. 1
Gli utenti, parenti o affini, o organismi di volontariato e di Tutela dei diritti accreditati (e/o afferenti) presso la Regione o presso l'Azienda USL RM H, possono presentare osservazioni, opposizioni, denunce o reclami contro gli atti o comportamenti che negano o limitano la fruibilitÓ delle prestazioni di assistenza sanitaria e sociale.

Art. 2
Gli utenti e gli altri soggetti come individuati dall'art. 1, esercitano il proprio diritto con:

  • lettera in carta semplice, indirizzata e inviata all’Azienda USL H, Borgo Garibaldi, 12 e/ o consegnata all’Ufficio Relazioni con il Pubblico, nelle diverse sedi dislocate sul territorio aziendale,
  • compilazione di apposito modello sottoscritto dall'utente, distribuito presso l'Ufficio Relazioni con il Pubblico,
  • segnalazione telefonica o fax agli Uffici sopraccitati,
  • colloquio con il Responsabile dell’Ufficio Relazioni con il Pubblico e/o con gli operatori addetti.

Per le segnalazioni telefoniche e per i colloqui, sarÓ utilizzato il modulo predisposto, annotando quanto segnalato con l'acquisizione dei dati per le comunicazioni di merito.
L’eventuale segnalazione verbale sarÓ acquisita alla presenza di un testimone.
L’operatore URP redigerÓ, in un secondo momento, apposito modello dei reclami, che sarÓ oggetto di archiviazione.

Art. 3
Le osservazioni, le opposizioni, le denunce o i reclami dovranno essere presentate, nei modi sopra elencati, entro 15 giorni dal momento in cui l'interessato avrÓ conoscenza dell'atto o comportamento lesivo dei propri diritti in armonia con il disposto dell'art. 14 comma 5, del Decreto Legislativo 502/92, come modificato dal Decreto Legislativo 517/93.

Art. 4
Le osservazioni, le opposizioni, le denunce o i reclami, comunque presentate o ricevute nei modi sopra indicati dagli Uffici Relazioni con il Pubblico, qualora non trovino immediata soluzione, devono essere istruite e trasmesse alla Direzione dell’Azienda USL entro un termine massimo di giorni 3, o comunque nei tempi rapportati all'urgenza del caso.

Art. 5
L'Ufficio Relazioni con il Pubblico nei tre giorni successivi, comunicherÓ ai Responsabili di servizio interessati, notizia dell'opposizione, osservazione, denuncia o reclamo, affinché, questi adottino tutte le misure necessarie ad evitare la persistenza dell'eventuale disservizio e forniscano all'Ufficio richiedente, entro e non oltre giorni 7, tutte le informazioni necessarie per comunicare un'appropriata risposta all'utente.

Art. 6
Nell’Azienda USL è costituito l’Ufficio “Relazioni con il Pubblico” cui sono attribuite le seguenti funzioni:

a) ricevere le osservazioni, opposizioni, denunce o reclami in via amministrativa presentati dai soggetti di cui all'art. 1 del presente regolamento, per la tutela del cittadino avverso gli atti o i comportamenti con i quali si nega o si limita la fruibilitÓ delle prestazioni di assistenza sanitaria e sociale;
b) predispone l'attivitÓ istruttoria e provvede a dare tempestiva risposta all'utente per le segnalazioni di più agevole definizione, su delega del Direttore Generale;
c) per i reclami di evidenti complessitÓ, provvede a curarne l’istruttoria e fornisce parere al Legale Rappresentante dell’Ente per la necessaria definizione.
L'U.I.P. per l'espletamento dell'attivitÓ istruttoria può acquisire tutti gli elementi necessari alla formazione di giudizio richiedendo altresì relazioni e/o pareri ai Responsabili dei Servizi, delle UnitÓ Operative, ovvero dei servizi e degli uffici aziendali;

  • fornire all'utente le informazioni e quanto altro necessario per garantire la tutela dei diritti a lui riconosciuti dalla normativa vigente in materia;

e)_ predisporre la comunicazione scritta come risposta all'utente, a firma del Legale Rappresentante dell’Ente, in cui si dichiara che la presentazione delle anzidette osservazioni e opposizioni, non impedisce né preclude la proposizione di impugnative in via giurisdizionale, ai sensi del comma 5 dell'art. 14 del D. L. 502/92 come risulta modificato dal Decreto Legislativo 517/93.

Art. 7
Il Responsabile dell'U.R.P., individuato ai sensi della legge 241/90, coadiuvato dai suoi collaboratori, svolge i seguenti compiti:

a) accoglie i reclami, le opposizioni e le osservazioni presentate in via amministrativa ai sensi dell'art. 1 del presente regolamento;
b) provvede a istruire e a definire le segnalazioni di agevole risoluzione;
c) dispone l'istruttoria dei reclami e ne distingue quelli di più facile risoluzione dando tempestiva risposta all'utente;
d) attiva la Commissione Mista Conciliativa per l'esame delle segnalazioni di cui viene a conoscenza per il tramite delle Associazioni di Volontariato e degli Organismi di Tutela;
e) invia la risposta all'utente e contestualmente ne invia copia al Responsabile del Servizio, al Responsabile dell’UnitÓ Operativa interessato oltre che al Direttore Sanitario/Amministrativo di riferimento per l’adozione delle misure e dei provvedimenti necessari;
f) provvede ad attivare la procedura di riesame del reclamo qualora l'utente dichiari insoddisfacenti la risposta ricevuta.


Titolo II

COMMISSIONE MISTA CONCILIATIVA
DISCIPLINA DI FUNZIONAMENTO

Art. 8
Nei casi in cui l'istanza ha per oggetto la violazione dei principi, fatti propri dalle Carte dei Diritti e dei Doveri dei cittadini, sottoscritte dall’Azienda USL e dalle Associazioni di Volontariato e di Tutela, l’esame è deferito ad una Commissione Mista Conciliativa che è composta da:

  • un rappresentante dell’Azienda USL,
  • un rappresentante della Regione,
  • un rappresentante delle Associazioni di Volontariato e/o organismi di Tutela.

La Commissione così formata è presieduta dal Difensore Civico Regionale, istituto ai sensi delle disposizioni dello Statuto Regionale in attuazione della legge 142/90, ovvero da altra figura esterna all’amministrazione dell’Azienda USL, individuata di concerto con le associazioni interessate e nominate dal Legale Rappresentante dell’Ente. Il Difensore Civico Regionale riceve le osservazioni, opposizioni, denuncie o i reclami in via amministrativa con relativa documentazione scritta e dispone l’istruttoria e le segnalazioni necessarie per la conclusione del caso, relazionando al Legale Rappresentante dell’Ente.

Art. 9
La Commissione si riunisce ogni qual volta pervengano, tramite URP, le istanze di cui all'art. 8.
Le decisioni sono prese a maggioranza, che può essere espressa con diritto di voto.
Le decisioni prese sono trasmesse al Direttore Generale per eventuali successivi provvedimenti di competenza.
La Commissione Mista Conciliativa può avere anche compiti propositivi sulle materie riguardanti il miglior funzionamento delle strutture sanitarie. In tal senso sarÓ cura della Commissione far pervenire le osservazioni emerse al Direttore Generale.

TITOLO III

CONFERENZA DEI SERVIZI

Art. 10
E' istituita presso l'Azienda Sanitaria Locale RM H la Conferenza dei Servizi, presieduta dal Direttore Generale cui sono attribuite le seguenti funzioni:

  • analisi dell'andamento dei servizi, in particolare con riferimento alla Carta dei Servizi;
  • verifica e valutazione del raggiungimento degli obiettivi indicati nella Carta;
  • presentazione di osservazioni e/o suggerimenti per contribuire al miglioramento degli stessi;
  • indicazioni di proposte.

Art. 11
La Conferenza dei Servizi è convocata con cadenza semestrale dal Direttore Generale, ed è composta da:

  • Direttore Sanitario
  • Direttore Amministrativo
  • Dirigenti Medici, Sanitari ed Amministrativi Centrali
  • Dirigenti Medici, Sanitari ed Amministrativi dei Distretti
  • Dirigenti Medici, Sanitari ed Amministrativi degli Ospedali
  • Dirigenti Medici, Sanitari ed Amministrativi dei Dipartimenti
  • Rappresentanti dei Comuni del territorio dell'Azienda
  • Responsabile U.R.P.
  • Rappresentanti delle Associazioni di Volontariato e di Tutela dei Diritti, afferenti all'Azienda.

Art. 12
Le osservazioni e le Proposte emerse sia in sede di Conferenza dei Servizi sia attraverso modalitÓ concordate ed uniformi (v. Protocolli d'Intesa con il Volontariato e/o Regolamento) e in sede di incontri con l'Ufficio Relazioni con il Pubblico, saranno tenuti in considerazione dalla Direzione Generale, al fine del miglioramento dei Servizi, purché non in contrasto con le norme vigenti.

TITOLO IV

DIRITTO AL RISARCIMENTO

Art. 13

Nel caso si rilevi un’inosservanza dell'obbligo di effettuazione della prestazione prenotata, oltre al rimborso d'ufficio della somma versata dall'assistito qualora questi rinunciasse ad effettuare la prestazione, l'Azienda è tenuta al rilascio di un "bonus", che gli dÓ il diritto di usufruire di analoga prestazione senza pagamento di ticket.

Nel caso in cui l'utente non si presenta per una prestazione prenotata e non avvisa il Servizio erogatore con almeno 24 ore di anticipo, lo stesso utente è tenuto a rimborsare l'Azienda con un "malum" di Euro 25.83 in analogia all'onere giÓ indicato per l'Azienda inadempiente.

Di conseguenza l'utente ha il diritto alla restituzione del ticket pagato solo per la parte che supera l'importo del "malum".


© 2014 - ASL RM6 - sede legale: Via Borgo Garibaldi, 12 - 00041 Albano Laziale (RM) - Partita I.V.A. e Codice Fiscale: 04737811002